Rinoplastica Milano

L’intervento di rinoplastica Milano: correggere aspetto e/o funzioni del naso

La rinoplastica è l’intervento di chirurgia plastica del viso a cui si ricorre per modificare forma e/o dimensioni del naso esterno, ovvero il modo in cui il naso appare. Se la correzione riguarda il setto nasale deviato parleremo più propriamente di settoplastica, sostanzialmente un intervento solo funzionale del naso interno.
L’espressione setto-rinoplastica (o rinosettoplastica) indica invece la correzione combinata del naso esterno e del naso interno. Per essere ancora più precisi, quando l’intervento chirurgico riguarda anche i turbinati (formazioni valvolari del naso interno con funzioni di riscaldamento, depurazione, umidificazione e regolazione dell’aria), tecnicamente parliamo di rino-setto-turbinoplastica.

Leggi tutto

Stanti tali premesse, il termine rinoplastica sembrerebbe riferirsi alla sola correzione estetica del naso esterno: tuttavia, nella stragrande maggioranza degli interventi di chirurgia plastica del naso, le manovre chirurgiche eseguite a scopo estetico su aree fondamentali del naso esterno come il dorso, la punta e le ali nasali comportano necessariamente anche un impatto funzionale che il chirurgo deve sempre tenere in grande considerazione per non compromettere la funzione o per migliorarla, nel caso sia compromessa. La natura non separa la forma dalla funzione. Sono le due facce di una medesima medaglia: forma e funzione sono aspetti complementari strettamente correlati e non è pensabile dissociarli considerandoli come entità separate.

Per l’intervento di rinoplastica a Milano è necessario rivolgersi ad un esperto di rinoplastica come il Dott. Pietro Palma.

Intervento di rinoplastica Milano: affidati ai super-specialisti

Oggi il chirurgo specializzato in rinoplastica ha a disposizione tecniche sempre più mirate su bersagli precisi, meno invasive e con effetti collaterali sempre più contenuti. Nonostante questo solido retroterra, la fine anatomia del naso esterno ed interno, la molteplicità di funzioni svolte dal naso, la sua centralità dal punto di vista estetico e le infinite variabili anatomiche concorrono a caratterizzare la rinoplastica – nelle sue innumerevoli varianti – come uno degli interventi più complessi e impegnativi in chirurgia plastica facciale. In questo primo tratto della via aerea avvengono funzioni vitali insostituibili e il chirurgo non può astenersi dal considerare con la massima attenzione tutti i fattori che possono alterare il delicato equilibrio del naso.

L’intervento è altamente creativo, eppure non concede scorciatoie, approssimazioni o improvvisazioni. Non esistono “formule magiche per un naso perfetto”, ma di sicuro alla base del successo in rinoplastica vi è un approccio rigoroso basato sulla meticolosa analisi e pianificazione di ogni fase dell’intervento, con supporto di software dedicati per morphing e fotoanalisi, e soprattutto una super-specializzazione esclusivista. In opposizione al chirurgo “generalista”, l’esperto in rinoplastica primaria o secondaria ha acquisito competenze specifiche e abilità di livello superiore, essendosi dedicato per molti anni in modo esclusivo al naso.

Che la correzione chirurgica riguardi la punta, il dorso (gobba o gibbo nasale), il setto deviato o i turbinati, in ogni caso il chirurgo deve essere attrezzato per effettuare un bilanciamento calibrato delle componenti anatomiche coinvolte (cartilagini, spessore della pelle, legamenti, muscoli), agendo con competenza, prudenza e sicurezza. Tali principi vanno sistematicamente seguiti, sia per interventi primari, sia – e soprattutto – nel caso delle revisioni di rinoplastica.

Rinoplastica della punta Milano: scultura della punta nasale

La punta del naso, il cui aspetto è determinato da forma, dimensione e robustezza delle cartilagini alari, ha un’importanza fondamentale per l’armonia complessiva dei lineamenti e del profilo. Per questo, molti pazienti si rivolgono al chirurgo specialista in rinoplastica allo scopo di modificare una punta cadente, voluminosa, “globosa”, quadra o asimmetrica. La valenza estetica della rinoplastica punta nasale non esclude ricadute sul piano funzionale: un ritocco della punta programmato ed eseguito in modo meno che impeccabile potrebbe dar luogo a problematiche respiratorie, con conseguenze particolarmente gravi in caso di collasso delle ali nasali per inadeguata manipolazione o eccessi di asportazione delle cartilagini alari.

Nella correzione della punta del naso, il chirurgo deve conciliare diversi aspetti allo scopo di raggiungere il più fine bilanciamento delle componenti anatomiche coinvolte: la punta dovrà avere un volume proporzionato all’insieme del naso, duomi ben definiti ma senza innaturali restringimenti o “pinzature”. E ancora, ali (o pinne) nasali dai contorni naturali, bordi delle narici simmetrici, solco alare armonioso, columella il più possibile sulla linea mediana, transizione elegante tra columella e labbro superiore, e spessore della pelle – un elemento sostanzialmente non modificabile chirurgicamente – in equilibrio con le strutture cartilaginee. Un intervento mirato, ma al tempo stesso consapevole di tutte le componenti del naso e della loro proporzione con l’insieme, può nettamente migliorare l’armonia complessiva sia del profilo che della posa frontale. Una semplice estensione dell’intervento alla componente muscolare della punta può correggere alterazioni della mimica del naso (“la punta si muove o scende quando parlo o rido”).

Per l’intervento di rinoplastica della punta a Milano è necessario rivolgersi ad un esperto di rinoplastica come il Dott. Pietro Palma.

Rinoplastica della gobba Milano: rimozione della gobba o gibbo nasale

La “rinoplastica della gobba” (tecnicamente, gibbotomia) nelle mani dello specialista assume i contorni di una vera e propria profiloplastica nasale: ciò sia perché limitare l’intervento al solo gibbo dà quasi sempre luogo a un risultato finale innaturale e disarmonico, sia perché la visibilità della gobba stessa è accentuata da altri elementi (come una punta poco proiettata o ruotata). Attraverso il meticoloso riposizionamento della radice, del dorso e della punta del naso si raggiunge un risultato finale equilibrato sul profilo nasale nel suo insieme, da cui scaturisce il moderno principio di profiloplastica nasale contrapposto alla più semplicistica gibbotomia.

Il chirurgo specialista in rinoplastica è ben consapevole che la rimozione del gibbo e il conseguente abbassamento dell’altezza del dorso nasale implicano una riduzione del volume aereo del naso interno (è come ridurre l’altezza di una camera): per questo motivo, deviazioni settali o ipertrofia dei turbinati – clinicamente silenti in un naso grande – potrebbero dare luogo a problematiche respiratorie in un naso reso più piccolo (considerando che in oltre l’80% delle rinoplastiche primarie la richiesta del paziente è di ridurre le dimensioni del naso). Di qui l’indispensabilità che il chirurgo sia uno specialista del naso, in grado di valutare correttamente la relazione tra naso esterno e naso interno.

Di frequente il gibbo si associa a problematiche respiratorie dovute a deviazione del setto e/o della piramide, oppure a ipertrofia dei turbinati inferiori (strutture del naso interno contenenti tessuto spugnoso vascolare). Nel corso degli anni, i turbinati inferiori tendono infatti a ingrandirsi (“ipertrofizzarsi”) nel lato del naso interno opposto alla deviazione settale, dove hanno a disposizione più spazio, causando ostruzione nasale. Quando si interviene su posizione e allineamento del setto (settoplastica) è quasi sempre inevitabile modificare anche i turbinati ipertrofici (turbinoplastica). Ecco perché la correzione di un gibbo non può prescindere da una valutazione accurata del naso interno, e da una eventuale chirurgia mirata a correggere le alterazioni anatomiche delle cavità nasali (settoplastica e turbinoplastica). Ancora una volta, è impossibile scindere la forma dalla funzione.

Per l’intervento di rinoplastica della gobba a Milano è necessario rivolgersi ad un esperto di rinoplastica come il Dott. Pietro Palma.

Settoplastica Milano: correzione del setto deviato

Il setto nasale è la parete centrale del naso interno che separa le cavità nasali. Oltre a svolgere funzioni imprescindibili nell’ambito delle attività respiratorie, il setto ha anche un ruolo strutturale insostituibile nel supporto della punta e del dorso nasale: ecco perché una settoplastica inadeguata o eccessivamente aggressiva (senza rinoplastica) può causare un abbassamento del dorso e una caduta della punta. Costituito da un mosaico di ossa e cartilagine ricoperte da una particolare mucosa ricca di cilia, nervi e vasi sanguigni, il setto nasale contribuisce grandemente a determinare forma, dimensione e proiezione del naso esterno. Pur non essendo mai perfettamente allineato in senso verticale sulla linea mediana, il setto nasale, non infrequentemente presenta deviazioni, malposizioni o anomalie di lunghezza e proiezione, anche in soggetti senza alcun disturbo respiratorio nasale.

Il setto nasale deviato o mal posizionato, a seconda di sede e rilevanza di queste alterazioni, può causare problemi respiratori, gola secca al risveglio, stanchezza diurna, secchezza nasale o epistassi (meno frequenti). Inoltre, può essere concausa di disturbi del sonno quali russamento o apnee notturne. La correzione chirurgica del setto nasale deviato è propriamente definita settoplastica (setto-rinoplastica quando è associata alla modifica del naso esterno). L’obiettivo della settoplastica è ripristinare condizioni anatomiche del naso interno tali da assicurare al soggetto un recupero della funzionalità respiratoria. Negli interventi combinati di settorinoplastica, la correzione del setto comprende anche la modifica di elementi anatomici del setto che sono causa di alterazioni della forma del naso esterno quali eccesso di lunghezza del naso, eccesso di proiezione della punta e del dorso, deviazioni della columella, asimmetria delle narici – giusto per citare i più comuni.

Per l’intervento di settoplastica a Milano è necessario rivolgersi ad un esperto di rinoplastica come il Dott. Pietro Palma.

Setto-rinoplastica Milano: correzione chirurgica del naso esterno e interno

Se intendiamo la rinoplastica come correzione del solo naso esterno, allora per parlare della correzione combinata del naso esterno e del naso interno sarà più appropriata l’espressione setto-rinoplastica (o rino-settoplastica). Come specificato più volte, però, quasi sempre modificare l’aspetto estetico del naso esterno comporta l’interferire anche sull’aspetto funzionale. Pertanto, un approccio esclusivamente “cosmetico” alla rinoplastica non solo è inadeguato, ma presenta anche il rischio concreto di essere controproducente su entrambi i versanti, estetico e funzionale.

Accanto alle classiche modalità operative ampiamente descritte in letteratura (rinoplastica aperta o esterna e rinoplastica chiusa o endonasale), l’intervento di setto-rinoplastica a Milano può essere effettuato con la “terza via” chirurgica individuata e messa a punto da Pietro Palma (“Hybrid Rhinoplasty™”). Grazie alle incisioni “su misura”, la rinoplastica ibrida da una parte minimizza il rischio di complicazioni dovute a difetti o eccessi di chirurgia, proteggendo da sgradevoli esiti cicatriziali sulla columella (invero poco frequenti in mani esperte), dall’altra massimizza la precisione di un intervento mirato su aree anatomiche individuate con precisione.

Per l’intervento di setto-rinoplastica a Milano è necessario rivolgersi ad un esperto di rinoplastica come il Dott. Pietro Palma.

Rinoplastica di revisione Milano: correzione chirurgica di risultati insoddisfacenti

Chiamiamo rinoplastica primaria l’intervento su un/una paziente che si sottopone per la prima volta a chirurgia plastica nasale in opposizione alla rinoplastica secondaria, terziaria, quaternaria ecc., richiesta dal/della paziente insoddisfatto/a del risultato, estetico e/o funzionale di pregresso/i intervento/i di chirurgia nasale. Se già la rinoplastica primaria è considerata il più complesso tra gli interventi di chirurgia facciale, in virtù della precisione millimetrica richiesta alle manovre e al rigore con cui devono essere pianificate ed eseguite, appare evidente come capacità di analisi e abilità chirurgi che siano ancora superiori nella rinoplastica di revisione.

Il chirurgo della rinoplastica secondaria dovrà essere in grado di prendere decisioni “su misura” per ogni differente paziente, dall’elaborazione del piano chirurgico sino alla sua meticolosa esecuzione, mettendo all’opera un vasto patrimonio di competenze pratico-teoriche. Nel corso di lunghi anni di pratica esclusivista queste hanno permesso di acquisire doti non comuni di fine manualità, versatilità operatoria e maturità di giudizio nel valutare rischi e benefici di ogni singolo passaggio chirurgico. Le mani e la mente del chirurgo devono essere guidate dalla ricerca dell’equilibrio tra una serie di modifiche anatomiche e numerose variabili individuali (sesso, altezza, età, conformazione del viso, desideri del/della paziente). In caso di assenza o insufficienza di supporto strutturale del dorso e/o della punta, diventa necessario il prelievo di innesti, quasi sempre cartilaginei,da altre sedi: ne conseguono maggior complessità tecnica, rischio di effetti collaterali nelle aree di prelievo e allungamento dei tempi operatori. Tutte criticità che richiedono al chirurgo della revisione, più che una specializzazione, una “super-specializzazione” in rinoplastica.

Rinoplastica a Milano con Pietro Palma, tra i massimi esperti in Italia e nel mondo

Tra i maggiori esperti in rinoplastica in Italia e a livello internazionale, Pietro Palma ha acquisito una vera e propria super-specializzazione in rinoplastica a Milano, dedicando interamente studi, ricerche e attività operativa alla chirurgia nasale. Il percorso professionale votato alla continua innovazione di tecniche ha consentito di migliorare sicurezza e qualità dei risultati, giungendo all’elaborazione di una chirurgia sempre più disegnata e tagliata “su misura” di paziente. L’esclusiva formula YOUnique Rhinoplasty™ sintetizza un metodo basato su profonda empatia e solida comprensione reciproca tra chirurgo e paziente, accanto a sistematicità e precisione nella pianificazione ed esecuzione di un intervento disegnato sulle specificità del/della singolo/a paziente.

La rinoplastica è una sfida continua per il chirurgo, chiamato a mettere in campo solide competenze teoriche, ricchezza di repertorio chirurgico e maturità decisionale. Alla sfida costante rappresentata da ogni singolo intervento di rinoplastica, sia primaria che di revisione, Pietro Palma risponde con oltre 200 pubblicazioni scientifiche, una serie di prestigiose collaborazioni operative, scientifiche e accademiche e soprattutto con una vita professionale interamente dedicata alla chirurgia plastica del naso. L’ideatore del metodo Hybrid Rhinoplasty, tra i massimi esperti in rinoplastica primaria e secondaria in Italia e a livello internazionale, è a disposizione per colloqui conoscitivi presso Clinica del Viso (tel 02 63611932) oppure presso Casa di Cura “LA MADONNINA” (tel 02 58395555), entrambe a Milano e comodamente raggiungibili da tutta Italia.

Dunque, per effettuare un intervento di rinoplastica a Milano rivolgiti ad un professionista in Italia e all’estero come il Dott. Pietro Palma.

  "La Madonnina"
Clinica del viso