Rinoplastica risultati

Prevedere e controllare i risultati di rinoplastica e settoplastica con metodologia analitica e super-specializzazione chirurgica

La rinoplastica è un intervento altamente creativo, ma non ammette scorciatoie, approssimazioni o improvvisazione. Il segreto dei chirurghi in grado di garantire elevatissime percentuali di successo è: analisi, analisi e ancora analisi. Solo un approccio rigoroso basato sulla meticolosa pianificazione di ogni fase dell’intervento, coadiuvata dai risultati della fotoanalisi computerizzata e delle simulazioni generate da software dedicati insieme a una super-specializzazione esclusivista, consentono di prevedere e controllare con efficacia il risultato chirurgico.

La naturalezza dei risultati in rinoplastica non è da confondere con la semplicità della tecnica: al contrario un risultato elegante, fine e naturale è il prodotto di più fattori: progettazione dettagliata dell’intervento, ricchezza di tecniche nelle mani del chirurgo specialista, calibrazione millimetrica di ogni gesto chirurgico, e capacità di adattare la tecnica alla persona e non viceversa. Un tale approccio scrupoloso, quando è associato ad un vasto repertorio di tecniche operatorie che il chirurgo specialista ha accumulato nell’arco di decenni di esperienza, permette di ripristinare armonia nel viso, correggere forma e funzione del naso, e soddisfare desideri e aspettative dei pazienti con una elevatissima percentuale di successo.

Leggi tutto

Prevedere i risultati in rinoplastica: obiettivi possibili, probabili o non realizzabili

Quali risultati possono essere raggiunti con la rinoplastica? È possibile conoscere in anticipo e con esattezza l’aspetto che avrà il naso dopo l’intervento? Queste domande, insieme a quelle che riguardano i costi della rinoplastica, sono tra quelle che il chirurgo si sente rivolgere più di frequente dai/dalle pazienti che desiderano sottoporsi alla procedura. Dunque, possiamo prevedere con accuratezza i risultati di una rinoplastica, settoplastica o rinosettoplastica? La risposta è affermativa: fotoanalisi e simulazioni effettuate con software dedicati permettono di raggiungere una prevedibilità del risultato mediamente non inferiore all’85%.

Questo è un aspetto particolarmente importante perché consente a chirurgo e paziente di distinguere tra obiettivi possibili, probabili o non realizzabili. Al contempo, evita ai pazienti lo stress di “non riconoscersi” dopo intervento. La valutazione pre-operatoria è fondamentale anche per far capire ai pazienti che non è realistico pensare di ottenere il 100% di successo nel 100% dei casi. Nessun chirurgo serio può sostenere il contrario. Dati empirici, scientifici e statistici parlano chiaro: piccole imperfezioni sono presenti in circa l’8-10% delle rinoplastiche primarie, e questa percentuale sale nelle rinoplastiche di revisione.

Questo scarto ammette molteplici cause: entità del difetto iniziale, efficacia delle tecniche utilizzate (perché non sempre la tecnica – anche quando applicata correttamente – permette di correggere completamente i difetti), e naturalmente l’imprevedibilità del processo di guarigione, in gran parte geneticamente determinato. In altri termini le stesse manovre chirurgiche possono produrre risultati variabili da paziente a paziente. È legittimo attendersi che rischi e complicazioni della rinoplastica siano significativamente minimizzati rivolgendosi a chirurghi che abbiano maturato una super-specializzazione in rinoplastica e affrontino la fase preparatoria di analisi e progettazione con il massimo scrupolo e con tecnologie adatte.

Prevedere i risultati in rinoplastica: tecniche e strumenti del chirurgo super-specialista

La bellezza non può essere espressa numericamente o ricavata applicando formule matematiche esatte. Tuttavia, la rigorosa disciplina mentale analitica del chirurgo e l’applicazione di strumenti come l’analisi fotografica semiquantitativa e il morphing con software dedicati consentono di prevedere e controllare i risultati della rinoplastica con notevole precisione. L’intervento chirurgico, prima che in sala operatoria, si svolge nella mente del chirurgo: questi deve avere perfettamente chiaro ogni passaggio prima di eseguire l’incisione che dà il via all’intervento. Con tali pre-requisiti è realistico attendersi di arrivare il più vicino possibile ai desideri e alle aspettative dei pazienti, coniugando forma e funzione.

Nell’esperienza di Pietro Palma, l’intervento viene sconsigliato in circa il 2% dei pazienti che si sottopongono alla consultazione. Le ragioni sono molteplici. Nella rinoplastica primaria si tratta spesso della palese impossibilità di soddisfare le aspettative dei pazienti perché i desideri sono irrealistici oppure le condizioni anatomiche non consentono sufficienti margini di prevedibilità del risultato. Nelle rinoplastiche di revisione, soprattutto dopo molteplici interventi (rinoplastiche terziarie, quaternarie ecc.), la percentuale diventa più elevata: si tratta quasi sempre di casi estremi con mancanza sub-totale di supporto strutturale o con estese retrazioni cicatriziali della cute e dei tessuti molli di rivestimento.

In questo ristrettissimo numero di casi, Pietro Palma consiglia di astenersi da chirurgia per non incorrere in complicazioni ancora più severe. È evidente come il colloquio preliminare sia il crocevia fondamentale prima di intraprendere la via della chirurgia.

Super-specialista in rinoplastica: operarsi con Pietro Palma a Milano

Dopo il colloquio preliminare in cui viene ricostruita la storia clinica del/della paziente, valutata l’anatomia del naso interno e del naso esterno anche con book fotografico, il chirurgo discute con il paziente le indicazioni all’intervento, le possibilità e i limiti della chirurgia. La sequenza pre-operatoria prevede un incontro successivo durante il quale sarà possibile visionare e discutere le simulazioni – sia sul frontale che sul profilo – generate da computer sulla base di una accurata analisi fotografica semi-quantitativa, che include misurazione di angoli, distanze e rapporti reciproci.

Nonostante la meticolosità della preparazione e la scrupolosità dell’esecuzione, il/la paziente deve essere consapevole che in chirurgia – e soprattutto nel caso di interventi “millimetrici” come la rinoplastica -, non sempre è possibile raggiungere il 100% degli obiettivi pianificati. Bisogna sempre fare comunque una netta distinzione tra imperfezione e complicanza, perché quest’ultima necessità di interventi ricostruttivi. Affidarsi a chirurghi esperti e super-specializzati è la migliore garanzia per raggiungere elevatissime probabilità di risultato complessivo migliorativo, e per prevenire e limitare le spiacevoli complicanze della rinoplastica.


CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI


Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi dell'Art. 13 del Regolamento UE 679/2016 (*)

  "La Madonnina"
Clinica del viso